Aperta l’iscrizione Anno 2020/2021 “Inizio Mercoledì 15 settembre”

Aperta l’iscrizione Anno 2020/2021 “Inizio Mercoledì 15 settembre”

Direttore tecnico M° “LUCA IANNONE

Ogni Mercoledì e Venerdì dall’ore 11:00 – 12:30

LEZIONI DI PROVA GRATUITE DAL MERCOLEDì 15 al MERCOLEDI 29 SETTEMBRE 2021

Prenotazione e tessera obbligatoria, Green Pass

Tel. +39 349 3342 719 o email: centrogiamze@gmail.com

Via Portuense, 543 – 00049 Roma RM


Taekwondo: che cos’è


Il termine Taekwondo deriva dall’unione di tre sillabe della lingua coreana: tae-kwon-do, che possono tradursi con “l’arte dei calci e dei pugni”.
Metodo di combattimento di antica origine coreana, il Taekwondo ha come principi fondamentali l’etica e la morale, oltre alle norme spirituali attraverso le quali gli uomini possono vivere senza litigare.
L’arte marziale ha come obiettivo quello di insegnare il rispetto per gli avversari e per se stessi, oltre che per l’ambiente circostante e per il proprio corpo.


I principi di questa arte marziale

La filosofia alla base del Taekwondo fonda le sue radici nell’etica, nella morale, e nelle norme spirituali attraverso le quali un uomo può vivere senza litigare. La filosofia e i principi base dello sport sono stati stabiliti dal generale Choi, e tutti gli studenti di quest’arte li dovrebbero osservare e rispettare attraverso il loro cammino sia nell’arte che nella vita.


5 PRINCIPI DEL TAE-KWON-DO

1 CORTESIA (Ye Ui)
2 INTEGRITA’ (saper ammettere i propri errori) (Yom Chi)
3 PERSEVERANZA (In Nea)
4 AUTOCONTROLLO (Guk Gi)
5 SPIRITO INDOMITO (Baekjul Boolgool)

1 – Cortesia (Ye Ui)

  • Lo studente deve cercare di mettere in pratica gli elementi di cortesia per costruire un carattere nobile
  • promuovere lo spirito di concessioni reciproche
  • vergognarsi dei propri vizi, rifiutando quelli degli altri
  • comportarsi educatamente
  • incoraggiare il senso di giustizia e umanità
  • riconoscere l’istruttore dallo studente, l’anziano dal giovane
  • rispettare i beni altrui
  • agire con giustizia e con sincerità.

2 – Integrità (Yom Chi): saper ammettere i propri errori

Bisogna distinguere il corretto dallo sbagliato e avere la consapevolezza, quando qualcosa è sbagliato, di sentirsi colpevoli. La mancanza di integrità si manifesta in molti modi.

  • Maestro disprezza se stesso e l’arte, insegnando tecniche sbagliate ai suoi allievi per una mancanza di conoscenza o di volontà.
  • Istruttore nasconde le sue tecniche sbagliate, con il lusso della palestra e falsi apprezzamenti ai suoi allievi.
  • Studente che ottiene un grado solo con scopo egocentrico e per sentirsi più potente.
  • Istruttore insegna e promuove l’arte solo ai fini materiali.
  • Studente che si vergogna di chiedere aiuto ai suoi minori in grado.

3 – Perseveranza (In Nae)

Per raggiungere un obiettivo come può essere un’alta graduazione o il perfezionamento tecnico, bisogna perseverare costantemente.

4 – Autocontrollo (Guk Gi)

Una persona che perde l’autocontrollo in un combattimento ha un elevato rischio di perdere l’incontro. Infatti, bisogna sempre rimanere concentrati e pensare accuratamente prima di agire. Questo va tenuto a mente sia dentro che fuori il Tatami.

5 – Spirito Indomito (Baekjul Boolgool)

Si manifesta quando una persona affronta un problema importante utilizzando il suo coraggio e senza rinunciare mai ai suoi principi.


Grandmaster Choi Jung Hwa



Costi: Iscrizione tessera annuale (anno solare 2021) Euro 20 in promozione Euro 5

Rinnovo gennaio 2022 (anno solare) Euro 20

Quota mensile Euro 40

Organiza Centro Giamzé di Roma